Press

MOMBU

Niger

2013 (Subsound Records) | sperimentale
Che l’Italia sia ormai al top nell’ambito dell’avant-rock e delle sue contaminazioni è un dato di fatto, per di più testimoniato dal sempre maggiore spazio riservato ai nostri connazionali dai magazine stranieri. Così, non ci si deve più stupire dell’eccellenza, soprattutto quando arriva da due vecchie conoscenze del panorama underground nostrano – i Mombu sono, infatti, Antonio Zitarelli dei Neo e Luca Mai degli Zu.

Ora, visto che entrambe le formazioni di partenza trafficano (in modo diverso) con avant-prog, jazzcore, noise-rock e dintorni, sembrava facile prevedere dove sarebbero andati a parare i due. E in effetti l’ambito di appartenenza risulta essere più o meno quello, ma il prodotto è alieno, perché i Mombu riescono nell’inedita operazione di portare il jazzcore a un punto di non ritorno. Del jazzcore, nelle sette composizioni di “Niger”, è rimasto solo lo scheletro, uno scheletro aridamente rimpolpato da ritmi africani che sembrano fuoriuscire da un rito voodoo. Allora, qui il termine “sperimentazione” riacquista il suo significato originario, nel senso che, l’incontro tra la costipazione del free-jazz noise europeo e la ritualità “nera”, trova sintesi in un suono nuovo, solo in parte riconducibile agli elementi che lo hanno generato.

Il sax di Mai è scorticante e “sgradevole”, eppure riesce a emanare un calore insolito, la batteria di Zitarelli è una mitragliatrice in guerra. Il bello è che nessuno dei due strumenti opera in funzione di accompagnamento rispetto all’altro, ma entrambi cooperano e duellano in posizione di sostanziale parità. La musica secca e compressa che ne viene fuori è da testate nel muro.
Nell’anno del signore 2013 nessuno suona come i Mombu.(14/06/2013)

NIGER ON PERTE & FRACAS 
FRENCH WEBZINE 
Mombu en chef de tribu. L’Afrique, on la sentait poindre sur le premier album. Sur Niger, ce n’est plus ambigu, le duo Mombu en est mordu (poil au cul). Encore plus de tribalité et d’afro-beats. Un invité, Mbar Ndiaye, pour encore plus de percussions et surtout un chant typiquement africain surMighty Mombu ou Carmen Patrios. Luca T. Mai, l’habituel saxophoniste de Mombu, taquinant le mbira, instrument de percussion se jouant avec les doigts sur des lames et aux sonorités là aussi typiquement africaines. Les deux italiens ont pris l’autoroute du sud et mis les deux pieds sur le continent noir.
Ca pourrait faire peur, l’abus de djembés étant toujours dangereux pour la santé mais là où Mombu s’en sort plus que bien, c’est que Niger n’est pas un vulgaire disque de world music ou de dreadlockés tapant les bonnes vibrations à la fête de la musique. C’est le voodoo et la transe que Mombu vise. Noir, tout est noir. Le batteur Antonio Zitarelli multiplie les polyrythmies et accentue le groove avec des percus sauvages. Les soufflantes du saxo baryton descendent dans les graves et se marient comme par magie (noire) avec l’effet hypnotique des rythmes. Marco Mastrobuono, qui a enregistré les sept compos, a également sorti la guitare dont les accords graves donnent l’impression d’un Godflesh en safari en Afrique. Le saxo n’est pas là pour faire dans le free et l’improvisation, à de rares exceptions comme sur le dernier long morceau, The Devourer of Millions, où sur un tapis de rythmes qui vont même de leur solo, Luca Mai se lâche mais jamais trop en faire. Ca souffle efficace, sobrement, ça s’efface pour les rythmes au centre de tout et ils cognent. Niger est avant tout un disque pulsatoire, une ode aux démons dont un représentant figure sur l’immonde pochette, une musique d’un esprit malin pour jeter un vilain sort. Sauf que ce sort est accueilli de gaieté de coeur.
SKX (26/04/2013)
NIGER ON POT LISTA 
CROATIAN WEBZINE

– Antonio Pošćić
Ponedjeljak, 29. Travanj 2013

mombu_nigerMombu sam prvi put imao priliku slušati u travnju 2011. godine kada su nastupili kao predgrupa The Kilimanjaro DarkJazz Ensembleu u KSET-u. Pričalo se u to vrijeme da je riječ o “novim Zu” te da će se tadašnjim članovima benda, Luci T. Maiu (bariton-saksofon) iAntoniju Zitarelliju (bubnjevi), uskoro pridružiti ostatak članova toga rimskog benda. Nedugo nakon spomenutog koncerta, Zu su se i službeno razišli, a Mombu nastavili svojim putem kao nešto sasvim novo. Već na prvo slušanje bilo mi je jasno zašto su neki pomislili da je riječ o bendu koji bi trebao naslijediti Zu. Glavni krivac za to bio je upravo Maijev bariton-saksofon, tako prepoznatljivi glas njegova prethodnog benda koji se s istim intenzitetom i bojom zvuka javlja i u Mombuovoj glazbi. Istovremeno mi je bilo jasno i da Mombu zapravo ne predstavljaju nastavak filozofije koju su njegovali Zu, već da se kreću u jednom drugom, vrlo zanimljivom smjeru. Razlike dodatno produbljuje i stil bubnjanja Antonija Zitarellija koji nije previše sličan stilu koji se obično veže uz Jacopa Battagliu iz Zua.

Kao što i sami kažu u različitim intervjuima, naum dvojca iz Mombua jest vjerno prenošenje afričke, plemenske glazbe i njezinih iskonskih elemenata u svijet ekstremne glazbe. Ako su na prethodna dva albuma (ili tri ako računamo suradnju SpaccaMombu s Paolom Spaccamontijem) i postojale natruhe ili ostavština zvuka iz vremena Zua, na “Nigeru” se bend ipak u potpunosti posvećuje svome izvornom cilju. Njihov se koncept na prvi pogled može činiti oksimoronom, ali u praksi to funkcionira iznimno dobro.

Kroz svih sedam pjesama na albumu može se osjetiti razumijevanje i duboko poštovanje koje Mombu imaju prema svojim izvorima inspiracije. Oni plemensku glazbu, za razliku od mnogih zapadnjačkih “world” projekata, ne banaliziraju i sakate, već je samo prilagođavaju i prenose u domenu koju najbolje poznaju. Da je to zbilja tako postaje sasvim jasno, primjerice, na pjesmama na kojima im se pridružuje senegalski glazbenik Mbar Ndiaye u ulozi vokala i perkusionista. Na temelju spomenute izvorne afričke glazbe (iz različitih područja), Mombu grade svoj osebujni stil negdje na razmeđi jazzametala i grindcorea. Vrlo ritmični i prilagodljivi žanrovi koji se sjajno stapaju s tim takozvanim plemenskim ritmovima.

Glazbu Mombua najvećim dijelom određuju upravo ti hipnotički ritmovi koji nas asociraju na Afriku i duboko, razarajuće brujanje saksofona. Mombu su naizgled ogoljeni, svedeni na samo dva instrumenta, ali više od toga im i ne treba za izražavanje svoje osebujne vizije. Zitarellijevo bubnjanje pripada negdje u područje između jazza i rocka, a zvuk Maijeva saksofona treba doživjeti da bi se u potpunosti shvatile sve njegove kvalitete. Grleni, titrajući zvuk koji njihovu glazbu čini iznenađujuće žestokom. Povremeno im se, osim Mbara Ndiayea i njegova mantranja i perkusionističkih izvedbi, pridružuje i Marco ‘Cinghio’ Mastrobuono na električnoj gitari koji tako utjelovljuje ono zapadnjačko u glazbi koju stvaraju.

Od prve je pjesme, naslovne “Niger”, Mombuova formula jasna. Mai ponavlja zanimljivu frazu na saksofonu, Zitarelli kao da razbija bubnjeve dok drži omamljujući ritam. Slijedi promjena ritma, usporavanje pa ubrzavanje, a cijelo vrijeme u zraku je nevjerojatna, iskrena energija koja poziva na trans. Ovakav se pristup s manjim varijacijama zadržava i na ostalih šest pjesama. Kao što sam rekao, u načelu je njihova glazba vrlo jednostavna. Jednostavna, ali niti na trenutak dosadna ili monotona. Za razliku od prethodnih albuma, zvuk je ponešto umjereniji, ukroćeniji. Nema iznenadnih prijelaza i eksplozija već su sve skladbe ujednačenije. Time je učinjen ustupak glazbi iz koje crpe inspiraciju.

Mombu je izvorni naziv za jedno od božanstava vudua koje simbolizira pljuskove i oluju. Prikladnije si ime nisu mogli odabrati jer glazba Mombua zvuči baš tako, poput iznenadnog ljetnog pljuska praćenog opakom olujom. Dopustite im da vas barem nakratko prenesu u Afriku i pokažu vam one dijelove glazbenoga svijeta koji su naslijeđeni iz davnina, iz kolijevke života, a koji su u suvremenom svijetu možda odveć skriveni.

NIGER ON “The Holy Filament”

“NIGER” ES LO NUEVO DE MOMBU. INSPIRACIÓN PRIMITIVA Y RESULTADOS SALVAJES

16/02/20131 Comentario

mombu niger

Review por Francisco Javier Rodríguez

Hace ya dos años Mombu, el dúo de Luca Mai y Antonio Zitarelli, nos impregnó de sonidos tribales en corrientes oscuras y místicas a través de su placa homónima y debut editad por Subsound Records (ver reseña). Durante 2012 nos sorprendieron gratamente con el experimento llamado Spaccamombu, que constó adicionar las guitarras de Paolo Spaccamonti sobre su poderoso Voodoom, en un lanzamiento que formó parte de la serie In The Kennel de Goat Man Records.

Hoy llegan con su segundo trabajo como dúo, y bajo el título “Niger“, vuelven a instaurar el concepto de música netamente inspirada en ritmos africanos por sobre la experiencia metal jazzcore que muy bien logran concebir estos italianos.

La placa es violenta, enérgica y salvaje. Así de simple. Los muchachos de Mombu han sido capaces de abofetear a todos los oyentes con su producto musical que es soberbio y macizo por su naturaleza original y creativa. Niger, track que da título a la obra, es un pasaje que comienza con toda la potencia de Luca y su sax barítono en una ejecución que brilla por generar bases de autosampleos sobre la marcha. Fundiendo sonidos graves de mediana duración, Mai recrea una verdadera estampida de elefantes furiosos con su set de pedales distorsionadores, los cuales se ven complementados por un siempre certero Zitarelli en baterías rápidas y muy rítmicas. Un cambio de velocidad se deja caer en el tercer cuarto de la composición para rematar con una mágica aparición de percusiones que huelen a ceremonias de carácter ancestral.

La veta moderna y contemporánea de Mombu aparece a través de 667 A Step Ahead of The Devil, pues generando un constante duelo fracciones de vientos con incesantes platillos aportados por Antonio, entregan un sonido metal que se amolda al cultivo actual de vanguardia occidental. Por el contrario, netamente asentada en la raíces del suelo africano llega la desesperante Adya Houn’to, una entrega que con un llamativo juego de tambores nos hace pensar en un festín alegórico de entes salvajes alrededor de un gran crematorio de sacrificios.

 

La colaboración de Marco Mastrobuono, el guitarrista de la brutal banda Buffalo Grillz, se torna un elemento muy interesante y protagonista en Mighty Mombu, un track que resume muy bien la mezcla del metal, tan propio del gusto de Luca Mai, con la “estética sonora” del continente negro que ampliamente inspiró al dúo. La suma de coros por interpretados por el percusionista Mbar Ndiaye generan una entrega muy pegajosa que queda en los oídos en una simple escucha.

Perturbadora y atemorizante es la naturaleza de Carmen Patrios, una transición del disco que presenta una base de calimba por sobre un rezo del senegalés Ndiaye en lengua africana, quien en 5 minutos no para de disparar hacia el espíritu de la lluvia torrencial Mombu. Un acierto que viste a “Niger” de favorito a estas alturas del año.

Sketet brilla por mezclar atmósferas sombrías con velocidad en conjunto por parte del dúo  Una masacre de golpes continuos que brindan peso y personalidad frontal a la placa. La salida del disco la presenta The Devourer of Millions, la cual destaca por presentar los mejores momentos de Antonio Zitarelli, quien suena con una soltura y precisión que sin dudas lo transporta al mejor momento de su carrera.

Niger es producto de la evolución del demonio tribal creado por Luca Mai…más primitivo que nunca en su inspiración, Mombu ha logrado una placa salvaje, extremadamente exquisita en su ejecución. El dúo ha pulido su técnica y hoy suenan robustos, dejando muy claro que nacieron para establecerse como banda y no quedar en carpeta como un proyecto temporal. 

Mombu – 2013 – Niger [Subsound Records]

Niger on African Paper

Veröffentlicht am  von 

Sollte es eine Wahl zum sympathischsten Cover des Jahres geben, dann sollten definitiv auch die römischen Tikicore-Jazzer Mombu dafür kandidieren. Die Gestaltung ihres neuen Longplayers „Niger“ ist eine liebevoll-spackige Hommage an diverse Metal-Idole, darüber hinaus die perfekte Einführung in den eigenen Themenkosmos. Mit Tenorsaxophon und einer gewaltigen Drumsection beschwört das Duo aus dem Dunstkreis der legendären Zu ein weiteres mal die Geister einer exotischen Parallelwelt. Was daraus entsteht ist die musikalische Entsprechung eines grindigen Comics, dessen Schauplatz diesmal von der Karibik direkt auf den dunklen Kontinent verlegt wurde. Dort begegnen sich Kipling und Conrad, Lumumba und Idi Amin, und John Zorn stellt zusammen mit NoMeansNo den Score dazu bereit. Ja, Mombu schmeißen alle erdenklichen Klischees in einen Topf, und sind dabei ziemlich originell – musikalisch, und erst recht was die Attitüde betrifft.

Insgesamt ist „Niger“ um einiges opulenter ausgefallen als das letztjährige „Zombi“, bei dem Produzent James Plotkin v.a. an der klaren Akzentuierung der beiden Instrumente gelegen war. Zumindest für Momente konnte man noch erkennen, dass es tatsächlich von nur zwei Musikern eingespielt wurde. Auf „Niger“ arbeiten sie erstmals mit Gästen an Gitarre, Mikro und Handdrums, doch selbst dann, wenn all das nicht zum Einsatz kommt, ist die Wucht und Fülle der Musik größer als zuvor. Deutlicher noch übernimmt das Saxophon die Rolle verzerrter Riffs, und hat, wenn es sein muss, auch ein paar ordentliche Soli in petto. Im Zusammenspiel mit der „echten“ Gitarre sind die Instrumente oft nicht gleich auseinander zu halten, es sei denn man achtet darauf. Das größte Novum allerdings sind virtuose afrikanische Rhythmen, mit denen Studiogast Mbar Ndiaye nicht nur Kolorit beisteuert, sondern den Jazzcore der Italiener perfekt mit einem neuen Sound fusionieren lässt. Nur zu Beginn von „Adya Houn’to“ wirkt die Percussion noch wie ein Fremdkörper, der sich aber sukzessive, durch schichtweise hinzugefügtes Klangmaterial, in metallische Härte überführen lässt. In dem Stück hört man auch die ersten Vocals im Mombu-Kosmos, vom Drummer selbst in einer mir fremden Sprache gesprochen und gebrüllt. Wie ein beunruhigendes Filmsample wirkt die aufgeregte Tirade, woran auch die loungige Xylophon-Begleitung nichts ändert. Der hier noch in abstrahierter Form vorhandene Ethno-Kontext konkretisiert sich in „Carmen Patrios“ zu einem echten Hit, bei dem Ndiaye über einer ausgelassenen Perkussion toasted. Natürlich ist auch das kein glatter Weltmusik-Ramsch, und wer es nicht gleich merkt, dem zersägen zumindest gegen Ende verzerrte Saiten das Idyll. Und sowieso wären Mombu nicht Mombu, ließen sie die Geschichte nicht in einem lauten Klanggewitter enden. Dass ein Begriff wie Afro Noise, wenn man ihn weit fasst, kein Markenzeichen eines einzigen Projektes sein muss, sollte nach „Niger“ endgültig klar sein.

Nun sind Fusionen aus Jazz und Metal nicht neu, ebensowenig die Annäherung zwischen Jazz und nicht-“westlicher“ Musik, im Gegenteil sind solche Hybride fest im Kultukanon etabilert mit all den Schalheiten und Abnudelungseffekten, die das zwangsläufig mit sich bringt. Doch der Ethnic Jazz von Mombu hat wenig gemein mit dem, der in Jello Biafras Evergreen von Berufssöhnen gehört wird, während sich das wahre Leben im kriegsgebeutelten Kabodscha ereignet. Mombu erteilen jeder heilen Welt eine Absage, sind aber auch keine Miesmacher, sondern treiben Ethnoklischees mit einem Höchtmaß an Virtuosität auf die Spitze. Natürlich könnten Überkorrekte darin die Trivialisierung afrikanischer Identität wittern, aber dazu man muss schon ein verknöcherter Diskursapostel sein. Mombu machen aus den exotischen Motiven etwas ungemein Kraftvolles, das m.E. vor allem dem alltäglichen Wohlstandsphlegmatismus entgegen steht, mag dieser nun in menschelnder Selbstgerechtigkeit daherkommen, oder in der Gestalt eines blasierten, meist unbewussten Zivilisationsdünkels.

Tolles Album, nur im Ernst, das Cover schafft mich!

 

 

 

NIGER on METAL FOR MUSIC MAJORS

Technical Reviews of the Avant-garde

http://metalformusicmajors.wordpress.com/2013/04/28/mombus-niger-mini-review/

Mombu is a duo of Antonio Zitarrelli (drums) and Luca Mai (bari sax). They totally defy classification. It is heavily percussive and has self-described “African-core voodoo ritual.” I’m not sure if it can be called metal, but it definitely has metal influences and if anything can be called “hardcore” it is this.

Let’s start with stuff I could do without. I don’t want to necessarily say I don’t like these aspects, but it just sort of ruins the vibe for me. There are some excessively long purely African rhythm drumming. This comes in the middle of songs for which they’ve set a really hardcore, nasty vibe and then it just sort goes away with these interludes.

They also have a lot of minimalistic influences. The songs can be like works by Philip Glass. At first you’re like woah, these rhythmic and tonal patterns are amazing. Then the same patterns repeat for the rest of the song, and even though it really feels like it is going to build to something more it never does. This annoyed me at first, but I’ve come to accept it as just what they’re doing. I shouldn’t project what I expect it to do and then judge it on whether or not it meets those expectations.

Despite what I just wrote, I still think this is a really awesome album. Some of my favorite moments of the year will probably be from this album. Having a pounding earthy drum rhythm with sick dissonances droning incessantly in the bass and then Luca Mai pulling out crazy avant-jazz improv over top of it all just makes for truly fantastic music.

Another thing is how big and powerful these two people can sound. Sure, there’s definitely layering at places. But at lots of other places it is just the two instruments. This is a testament to how tight these two play together and how great they are at their instruments. They pull out really complicated rhythmic patterns with precise articulation. The whole thing just pops and sounds great.

That about sums it up. For me it is an album of great moments. There might be a bit of stuff between those moments I could take or leave, but the moments are so great that I’m willing to stick it out and keep returning for more. It is also of interest to anyone interested in innovative fusion. I can honestly say I’ve never heard anything quite like this combination. It perfectly blends these hardcore moments with African rhythms and jazz.

 

 

 

NIGER on STNT  French Webzine 

http://www.stnt.org/content/mombu-niger-subsound-records-2013

Publié par STNT le 22 Avril, 2013 – 21:31
mombu-niger-subsound-records-2013

MOMBU c’est ce duo italien comprenant l’ancien sax de ZU Luca T MAI* et Antonio ZITARELLI à la batterie. Fidèle à son goût pour les musiques africaines et son amour pour les percussions, MOMBU a ici élaboré un rock velu influencé autant par le métal que par les “musiques du monde” : du “African-core voodoo ritual” qu’ils appellent çà !  L’imposant sax bariton de Luca T MAI oscille autour des rythmiques brutes de la batterie et sait aussi très bien s’en extirper puis s’y recoller pour encore mieux l’épouser. Incroyable sensation de cohésion et de va et vient complices. Mbar NDIAVE à la voix et au percussions, accompagné par le Mbira sur “Carmen Patrios” (le premier titre de la face B) fait penser à un griot racontant une histoire dans sa langue ancienne. Marco “cinhio” MASTROBUONO à la guitare aide au décalage, mélangeant ses sonorités électriques aux instruments acoustiques (du genre Tama ou quelque chose s’en approchant…). Avec toujours en ligne de mire une approche tribale mais aussi quelques envolées atmosphérique avant de revenir dans des rythmiques à la chaleur toute africaine. “Niger” s’extirpe un peu du format rock du premier LP. MOMBU lance un autre processus, unique, où les sonorités brutes et acoustiques jouent de leurs puissances singulières. MOMBU sait utiliser la boucle et ne tombe pas dans l’aggrégation de couches et surcouches quand une pédale sampler se fait entendre. LUCA excelle dans cet art et il faut bien avouer que les sonorités basse du sax qui tournent en boucle sont une véritable force quand il s’agit de créer des structures musicales. L’univers de ce deuxième LP est original et d’une richesse vraiment très profonde. J’y adhère vraiment à fond et je vous le conseille vivement***

* joue aussi une sorte d’instrument autant percussif que mélodique, une sorte de bongo nommé Mbira souvent utilisé par les griots comme sur “Carmen Patrios” le premier morceau de la face B…
** ils reprennent “zombi” de FELA sur leur premier LP…
*** Je ne parlerais pas de la pochette, je la trouve méga moche !

 

 

“NIGER” on Music Addiction   April 2013

http://www.musicaddiction.it/recensioni/album-nuove-uscite/mombu-niger-subsound-records-2013/

Pubblicato 30 marzo 2013 | Da Franza

Mombu - Niger (Subsound Records, 2013)I respiri di Luca Mai (sax degli Zu) e le percosse di Antonio Zitarelli (batteria dei Neo) tornano dopo l’esperienza Spaccamombu al progetto madre con un secondo album che è metallo sacrificato e ritualizzato. Grind tribale in tre movimenti per distruggere l’idea banale di jazzcore e toccare un’epica doom psichedelica largamente intrisa di ritmi e colori africani, aggressioni gore e dinamiche fieramente metal. L’Africa è il magnifico e sterminato continente da dove tutto parte e ritorna. Quanti gruppi millantano parentele con l’etnica africana? Dagli Amok ai Vampire Weekend, dai Goat ai Piramide di Sangue la lista è varia, sconfinata e non per questo più dignitosa. I Mombu sembrano invece realmente interessati allo studio di ritmiche e dinamiche ancestrali del suono della vera Africa musicale, alla commistione tra elementi europei (Metal) e ghanesi (real world music) e ciò gli fa onore. E se non fosse per certi insistiti movimenti muscolari grind, potremmo considerare “Niger” un capolavoro del 2013 italiano, un successo concettuale e stilistico dove viene drammatizzata la fantastica guerra tra bene e male. Un conflitto che nasce spavaldo e distruttivo, infuria e spaventa, poi si addormenta in una notte di evocazioni e misteri, risorge in rituale magico e si conclude in follia orgiastica, olocausto e spargimento di sale sul sangue.

I Mombu sono appunto un’avanguardia militare, spaccano le fila, portano avanti terrore, finte, illusioni spettrali, poi delinquono, prendono a morsi, sputano in faccia e freddano alle spalle. Ogni tanto tirano il fiato e si dedicano alla contemplazione degli orrori mescolati allo spettacolo della natura e lasciano affiorare una bellezza inquietante e inaspettata. Sono fondamentalmente una band tamarra e felice di esserlo… e sanno miscelare doom, sperimentazione, ritmiche varie e riff di puro metal. Consigliati a chiunque non abbia paura di lasciarsi coinvolgere o non soffra di emicrania. Ecco l’italiancore, il mondo core degli anni ’10.

 

 

“Niger” on Metal Wave April 2013

http://www.metalwave.it/viewrece.php?id=4696

In anteprima assoluta ci siamo ascoltati un disco che, volenti o nolenti, diventerà col tempo un caposaldo della musica sperimentale, c’è poco da discutere in merito. Avete mai immaginato un duo praticamente solo strumentale composto da batteria e sax baritono? Probabilmente nel jazz modale, nel free jazz, fusion e quant’altro sicuramente esisteranno di certo passaggi musicali costruiti sopra questi due strumenti ma nell’Heavy Metal come la vedete? Vi fa storcere il muso oppure vi rende curiosi fino all’inverosimile?
“Niger” del duo dei Mombu arriva così, dal nulla e vanta la registrazione presso il Kick Recording Studio di Marco Mastrobuono di Roma e il mixaggio presso il Kutso Noise Home da Matteo Gabbianelli.
Lasciate che lo scriva senza girarci intorno: difficilmente avete ascoltato qualcosa di simile nelle vostre vite, personalmente non avrei mai pensato di utilizzare un sax baritono facendolo comportare come una stramba chitarra ritmica e solista ribassata e combinarlo con un drumming particolarissimo come quello di Antonio Zitarelli.
C’è l’Africa in questo disco, l’Africa nera, più oscura di quello che immaginiate, c’è un susseguirsi di emozionanti e onnipresenti ritmi tribali che ci rimandano con la mente nel continente-padre, in quella terra da cui tutto è arrivato, riesce a farci sentire filosoficamente a casa se vogliamo oppure a renderci partecipi di riti, di danze ma anche divinizzazioni di entità spaventose, occultate e omaggiate da una tribù che balla fino allo stremo delle forze in una notte di fuoco. Ecco le immagini che “Niger” mi ha suscitato e non è certo roba da poco!
Potremmo definirlo un disco tutto sommato minimale quanto a suoni eppure così pregno di passione e intenso nei suoi quasi 40 minuti di durata. “Niger” è un’esperienza malata, visionaria, dal suono ossessivo, certamente ipnotico, surreale eppure terreno nello stesso tempo.
Ho apprezzato particolarmente “667 A Step Ahead Of The Devil” che mi ha ricordato incredibilmente un brano a la Meshuggah (!!!) nel quale il sax baritono esegue ritmiche stortissime e riff da metal moderno seppure il contesto di provenienza appaia completamente diverso; così come il groove travolgente di “Mighty Mombu” e della lunga “The Devourer Of Millions”.
Si respira una totale libertà espressiva quasi disarmante, la rottura di tutti i canoni che pensate di conoscere. Lasciate che la tribù vi travolga con percussioni in ogni dove, momenti di magia nera ed eccezionali note buie di questo sassofono che non ci molla quasi mai.
Alzo le braccia. E’ sicuramente uno dei dischi più interessanti che abbia mai avuto modo di ascoltare e quando ho scritto che diventerà qualcosa contro cui confrontarsi in futuro, non stavo scherzando.

 

 

brushvox
The Music Blender (2012)

http://brushvox.wordpress.com/2012/07/16/mombu-zombi-2012/#more-23701

 

I had listen this project last year and it nailed me down, Mombu’s debut effort made it to my list of favorite albums of 2011. They are back now and although “Zombi” seems to be the re-edition of the debut album, the only major difference is that “Intro 253″ has been dropped and it was introduced the title track “Zombie” as a gift for the Black President Fela Kuti: mixed from Husky Hoskulds (Mike Patton, Tom Waits, Fantomas).
Mombu is a duo made of Luca T. Mai (of ZU) playing baritone saxophone and Antonio Zitarelli (of NEO) playing the drum and merging the explosive and subversive spirit of improvisation and Free jazz with the grinding and furious raging of (Post) Hardcore, but including tasty aromas of Afro beats and hypnotizing Voodoo vibes. This is something absolutely fresh, genuine and…. murderous.

If you like the Norwegian Shining, if you feel the vibe of the experimental outfit The Thing, but you still a headbanger, Mombu will definitively grind you to the ground with this mind-blowing release.

So, we’ve got the Limited Edition Vinyl 500 which are on beautiful red vinyl, 180gr, and also includes the physical CD copy in a cartoon sleeve 350gr. which are not for sale otherwise, but for free only with the vinyl for €17.
Still, can download the digital version for only €7 in your choice of MP3 320, FLAC, etc.

Innovative and absolutely exciting, this is hell of a ride, mandatory for free spirits and open minded people who love Music and do not think of it in genres and labels. If you miss somehow the last year release, this is your chance now!

——————————————————————–

Aristocrazia – webzine

http://aristocraziawebzine.blogspot.it/2013/01/mombu-zombi.html

 

I Mombu sono una bizzarra creatura che abbiamo incontrato per la prima volta nel 2011 con l’uscita omonima.
Il duo composto da Luca T. Mai (Zu) e Antonio Zitarelli (Neo) riparte nel 2012 da quanto già realizzato, il secondo lavoro “Zombi” è infatti la forma evoluta del precedente “Mombu”, infatti le tracce contenute nell’uscita originale sono state arricchite. Il vissuto già particolare e strambo — che chiama in causa il jazz, il grind, il blues, la musica tribale e le turbolenze del post-metal — viene ricentrifugato attraverso una visione non del tutto nuova, dovuta alle preziose collaborazioni di Watt (The Minute Men e The Stooges), Lorenzo Fornasari (Obake), Giulo The Bastard (Cripple Bastards) e Marco Mastrobuono (Buffalo Grillz e The Orange Man Theory). Questi cambiamenti dipendono in parte dal fatto che le linee di sax sono state risuonate e si poggiano in maniera difforme, ma non meno affascinante rispetto alla precedente stesura dei pezzi (chi possiede “Mombu” lo noterà di certo), e in parte da un sostanziale cambio di sonorità tribali, affidate non più a percussioni cubane ma bensì africane (tamburi di Gorée) a cura del senegalese Mbar Ndyaie.
Se nel recente passato i pezzi apparivano palesemente vogliosi di crescere costantemente su basi che portavano con sé il marchio “back to the roots”, oggi si nota un ulteriore approfondimento di tale sensazione. La mente si disperde in territori boschivi inesplorati e la connessione umana con una natura incontaminata accoglie il piacevole contrasto che le sensazioni ibride e schizoidi della musica forniscono, tutto ciò diviene la colonna sonora vincente per chiunque necessiti di un distaccamento da ciò che osiamo chiamare col nome “realtà”.
Chi avesse avuto modo di ascoltare e apprezzare pezzi come “Stutterer Ancestor”, “Regla De Ocha” e “Ten Harpoon’s Ritual”, con questa versione rinnovata potrebbe affrontare un viaggio differente dal primo. Inoltre “Zombi” non ha acquisito tale titolo senza un motivo, difatti la tracklist vanta una canzone in più, proprio “Zombi”, che definire cover è alquanto limitante. Si tratta di un omaggio rivolto al maestro Fela Kuti “The Black President”, inventore dell’afrobeat, che ha ricevuto un trattamento coi fiocchi in fase di missaggio, opera di Husky Hoskulds, già dietro la consolle per miti quali Mike Patton e Tom Waits.
Questa uscita è rilasciata in vinile rosso, ancora una volta sotto l’etichetta Subsound, come avvenuto per il primo album, ed è rivolta a un pubblico dall’ampia apertura mentale, che non si accontenta di ascoltare musica suonata bene ma nutre il bisogno di valicare le transenne imposte dai generi, senza porsi il problema di cosa si stia ascoltando. Se siete fra questi, “Zombi” dei Mombu diverrà per voi un’occasione imperdibile per abbandonare la comodità del salotto di casa e proiettarvi… decidete voi dove. È un disco che nella vostra collezione e nel vostro stereo troverà il posto che merita.

 

——————————————————————–

Rockambula webzine

http://www.rockambula.com/mombu-zombi/

 

“Zombi” dei Mombu era per il sottoscritto l’ attesissimo disco, il lavoro che più m’ incuriosiva, quello in cui non vedevo l’ ora che uscisse. Il motivo è semplice: i Mombu con il loro precedente album, nonché disco d’ esordio, hanno suscitato in me un infinità di sensazioni e piaceri. A questo punto “Zombi” era doveroso ascoltarlo, d’ obbligo anzi, e vi anticipo già da ora che ha dato conferma a diverse osservazioni. Il disco effettivamente è uguale a quello d’ esordio, con l’ aggiunta della titletrack che rende omaggio appunto al The Black President Fela Kuti. Cosa fondamentale però, è che ci sono delle finezze che hanno dato al full lenght una marcia in più: le linee di sax rifatte, l’ aggiunta delle percussioni di Mbar Ndyaie, e nella titletrack c’è la presenza di grandi ospiti come Giulio “The Bastard”, cantante dei micidiali e storici Cripple Bastards e Marco “Cinghio” Mastrobuono alla chitarra, inoltre solo questa traccia è stata mixata esclusivamente da Huskyi Hioskulds, fonico di Mike Patton, dei Fantomas e di Tom Waits. Un’altra chicca che farà piacere a molti, sono le parti di basso di Mike Watt, membro degli Stooges, altra grande band che non ha bisogno di presentazioni. “Zombi” è un lavoro veramente interessante, con questo i Mombu sono riusciti ad amalgamare ancor di più Jazz e Rock; insomma ascoltarlo è il miglior modo per comprenderlo, noterete la qualità del disco ed il valore del gruppo. La Subsound Records ha fatto davvero centro con i Mombu, il consiglio è di tenerseli stretti perché musica del genere è musica d’ élite.

Be Rock, Share!

– Genere: Rock/Jazz
– Etichetta: Subsound Records
– Voto: 4.5/5
– Data uscita recensione: 28 Dicembre 2012
– Website: http://mombu.bandcamp.com

by Vincenzo Scillia

 

——————————————————————–

Rollingstone Magazine

http://www.rollingstonemagazine.it/musica/interviste-musica/zombie-di-casa-nostra-nel-mondo-ecco-i-mombu/61928/

MUSICA > INTERVISTE
Zombie di casa nostra nel mondo: ecco i Mombu!
Il duo romano si fa in tre per l’etichetta Goatman records e con Paolo Spaccamonti diventano Spaccamombu

31 dicembre 2012
Di Luca Pakarov

La vogliamo complicare un po’. Mettiamola così. Dopo anni di depresse, alcolizzate, ansiogene, criminali e sempre, ma ripeto sempre, donne/uomini sull’orlo del suicidio avete conosciuto lei/lui. Tratti delicati, timida eppure furba, sobria ma con un quid in più d’eleganza, addirittura un buonissimo profumo (che ovviamente non sapete riconoscere). Vi preparate il discorso, una così è laureata in filosofia e studiate l’introduzione a Durkheim (senza sapere che è un sociologo), vi fate pure prestare venti euro per comprare due robe nuove in sconto da PiazzaItalia. Non potete sbagliare, ne va di un’intera esistenza di fallimenti. Lei decide il locale, lei decide da bere, quando al bancone state per entrare in confidenza e le vorreste raccontare la vostra visione del mondo, lei vi avvisa, tra poco ci sarà un concerto, “uno dei miei gruppi preferiti”.

Cantautorato francese, come minimo, pensate. E il mondo, come lo credevate, si stravolge: due giganti dall’aspetto per nulla raccomandabile salgono sul palco, una luce rossa sullo sfondo parte e staglia braccia indemoniate che massacrano una batteria e altre che strangolano un sax. Un mantra pazzesco vi prende alla gola, lei si dimentica chi siete, vorreste parlarle, salvarla da quel delirio ma i decibel vi impediscono di emettere suoni, la scorgete che si allontana sempre più verso la soffocante luce del palco, inghiottita da pericolosi sonnambuli che infettati dalle note dei Mombu (non a caso l’album si chiama Zombi), stanno fissi, abbacinati, rapiti, fino a quando la musica non termina e si ritorna al mondo dei vivi… ma nessuno a quel punto ricorda più niente, con i due immensi sciamani spariti… e certamente non sarete voi, quella notte, a scopare.

Tutto ‘sto preambolo per raccontarvi i seri rischi che correte a un concerto dei Mombu e per dire che sono qualcosa di più di un gruppo sperimentale tribal avanguardista post-free jazz metal doom o tutti i cazzi che volete, sono un duo che se la giocano su più fronti; ovvio non margheritine e poesie al tramonto, ma nemmeno un saggio monografico per gli appassionati di heavy metal. Di certo è un gruppo che fa impazzire i professionisti della recensione, tormentati fra il riportarli a un “già ascoltato” meno spirituale e più prevedibile, o a un estremo canovaccio d’improvvisazioni, tipico dei musicisti senza terra e suscettibili ad ogni critica. Con Mombu c’è (ci provo pure io, col minimo però) un ritorno a spigoli vivi e all’uso della pietra, il ripristino dell’esperienza selvaggia dopo la tecnologia – quindi molto studio e non improvvisazione – in cui gli strumenti sono, innanzitutto, un mezzo per inviare messaggi di natura ipnotica da condensare in, appunto, spazi tribali della mente. Brutto coglione, sono caduto nella trappola della fantarecensione. La verità è che, ascoltandoli in macchina, in mezzo al pauroso traffico delle 13, non ho avuto la tentazione di uccidere nessuno anzi, proprio quel trance ha evitato la mia Columbine personale. Tutto qui? Vi pare poco?

Ora i Mombu, Luca T. Mai saxbaritono (ex Zu) e Antonio Zitarelli (dei Neo), hanno inciso con il chitarrista Paolo Spaccamonti per la collana In the kennel dell’etichetta Goatman Records, il volume 2. Per i meno scafati una chitarra restituisce un disco più mansueto (per dire, visto che comunque l’orbita in cui gira quest’incontro è quella dei Black Sabbath), e live si nota. È ridondante dirlo ma… spaccano.

Facciamo due chiacchiere con i due energumeni in questione, Luca (L) e Antonio (A).

Quello che proponete, di primo acchito, parrebbe frutto di una positiva improvvisazione, mi raccontavate di quanto studio invece c’è alla base, qual è stata la parte più difficile dell’operazione Mombu?
A: “In genere una ‘relazione’ prende origine da un’attrazione chimica, intellettuale o semplicemente nasce per qualche magia di cui non conosciamo la provenienza. La cosa succede e poi in corso d’opera si costruisce, questo è quello che ho visto e quello che continuo a vedere nell’atteggiamento dell’uomo che si approccia a qualsiasi cosa. Con Luca ci siamo conosciuti, studiati, poi abbiamo individuato e definito l’IDEA musicale. Infine ci sono stati i sacrifici fisici per concretizzarla in musica, cioè la costruzione di strutture ferme e rigide dentro le quali poterci muovere il più liberamente possibile, cercando di esprimerci al meglio, con la ferma intenzione di non lasciar sfuggire il dettaglio”.

Nei Mombu, fra l’altro, si possono sentire le arie tenebrose e incalzanti dei riti voodoo attraverso una commistione di jazz, punk, blackmetal, afro, doom metal… Insomma tutta roba che fra loro si concilia poco, soprattutto in Italia dove la musica, rispetto ai generi, è molto settoriale. Le prime volte che vi hanno recensito o ascoltato, come vi hanno classificato? (Sempre ce l’abbiano fatta).
L: “Se a volte abbiamo dichiarato che facciamo voodoom oppure afro grind è solo per dare una direzione a chi non sa che musica suoniamo, ma poi capita di accorgersi con le definizioni si crea più confusione, ‘afro grind?? ahh!!!…’ e vedi aprirsi una rosa di Gerico negli occhi dell’interlocutore. La definizione che mi ha più divertito e infastidito al contempo è stata ‘disco d’improvvisazione’, se pensi che la prima cosa che decidemmo prima di Mombu fu: ‘non facciamo un disco tipo improvvisazione anni ’70…’, a quel punto significa che non ti sei preso la briga di ascoltarlo nemmeno due volte”.
A: “Il fascino che abbiamo per le culture antiche è notevole, ed è chiaro che l’Africa sembra essere una calamita puntata verso di noi. Il voodoo e tutte le tradizioni/religioni antiche, anche se mescolate con quelle più moderne, sono come un dialetto che cambia di paese in paese pur mantenendosi ancorato a uno stesso cordone ombelicale; ciò che muta è semplicemente l’interpretazione, che sia fonetica, pratica o altro. Ecco, crediamo che il metal sia tutto questo, il nostro tentativo è proprio quello di mescolarlo a una realtà la cui forza attinge probabilmente dallo stesso fuoco. Le etichette che ci hanno dato (afro/grind, afro/metal, voodoom, ecc…), non sono altro che l’interpretazione fonetica data al riscontro pratico della nostra musica”.

Ora avete anche un nuovo progetto, gli Spaccamombu, in cui c’è lo zampino della Goat Man Records che vi ha fatto incontrare con il chitarrista torinese Paolo Spaccamonti per il secondo capitolo di In The Kennel, cosa si differenziano essenzialmente dai Mombu? Ci avete pensato a una chitarra per i Mombu?
L: “Spaccamombu è stata l’occasione per mettere in luce uno dei nostri tanti lati oscuri. Con Paolo ci siamo subito intesi, c’è bastato pronunciare le parole ‘Black Sabbath’! Mentre con Mombu lavoriamo sul beat e quindi su una pulsazione regolare, con Spaccamombu ci divertiamo a spostare i tempi affinché la musica che facciamo non diventi la solita solfa che ascoltiamo in giro. Tutto questo non perché vogliamo per forza essere originali, ma perché ci viene naturale, e soprattutto ci diverte. Quando iniziammo con Mombu ci immaginavamo di mettere tanti percussionisti e anche una chitarra, poi per motivi di tempo, disponibilità e altro, abbiamo deciso di partire in due, ma quell’idea rimane, l’abbiamo usata sul primo disco, su Zombi e anche sul nuovo Niger, in uscita a febbraio”.

…Che ovviamente siete pregati di inviarmi… I vostri concerti, come quello di questa sera, sono una bomba di energia dove riescono a dialogare perfettamente sax, batteria e chitarra, ho visto diverse vostre esibizioni e sono sempre impeccabili, mi raccontante un concerto andato male?
L: “Ti racconto quest’episodio capitato un anno fa: prima di un concerto il promoter locale ci porta a casa dei suoi genitori, famosi per produrre prodotti alimentari casarecci e cucinare benissimo, e soprattutto il padre, noto per la sua cantina piena… Sapendo quello che ci aspettava, ho pensato di rendermi antipatico dicendo che non bevevo, Antonio invece, per fare gli onori di casa, s’è fatto qualcosa come due o tre litri di vino. Più tardi, a concerto iniziato, sento delle stecche ma non gli do peso, poi durante un assolo di batteria mi accorgo che qualcosa non va, mi giro e lo vedo intento a recuperare bacchette a destra e a manca completamente rubizzo! Avrei voluto ridere, ma siccome mi piacciono gli scherzi, a fine concerto avvicino Antonio, mortificato per l’accaduto, annunciandogli che quello appena terminato era il suo concerto da fine carriera… da allora questa frase è rimasta, e la usiamo per prenderci in giro”.

Siete molto presenti nella scena internazionale, a gennaio i Mombu saranno in Turchia, cosa cambia suonare all’estero, anche rispetto al pubblico? In Italia non c’è un gestore di locale che non si lamenti del calo delle presenze ai concerti…
A: “Credo che tutto dipenda da quanto sia diffusa e supportata la cultura. Quando si suona nel Nord Europa, quello che colpisce è l’attenzione del pubblico (nonostante passi più musica da quelle parti che da noi in Italia), qui invece quello che emerge è la generale apatia, la mancanza di idee da parte di chi ha in mano la cultura, il music business, i promoter, i giornali, le agenzie di booking. Viviamo in una sorta di ipnosi generale in cui ci fanno credere che la merda sia buona da mangiare, che i Negramaro siano un grande gruppo rock, Allevi un grande compositore e Zucchero un grande interprete”.

Vi siete fatti un’idea di cosa, nel resto d’Europa, pensano della scena musicale alternativa italiana? Già che venite da Roma, mi fareste un quadro sulle nuove tendenze della capitale che vi sembrano interessanti?
L: “La maggior parte delle persone con cui ho parlato in questi anni, da chi viene ai concerti, ai promoter, ai distributori, sono colpite dal tipo di linguaggio musicale che è maturato in Italia più che da altre parti, a cominciare dagli Zu, poi i Neo, Squartet, Tribraco, Nohaybandatrio, eccetera. A Roma si è sviluppato maggiormente questo linguaggio che si potrebbe definire, se proprio lo vogliamo definire, Jazz avant core metal, iniziato 12 anni fa da Zu, e poi proseguito con le altre band appena citate, gruppi che colgono nella musica una modalità di espressione ad ampio spettro”.

Musicalmente parlando, vedete distanti Roma e Milano? Non rimane troppo chiuso l’ambiente romano?
A: “No, non credo. Non generalizzerei. Direi piuttosto che Roma ha sempre avuto una connotazione molto politica anche nella musica rispetto ad altre città. Ci si formava nei centri sociali, tuttora è lì che si suona ed è lì che si dà supporto ai gruppi, magari non come anni fa, ma molti hanno questo background. Per un periodo a Roma c’erano solo gli squat che proponevano musica interessante, tanto che tutta la scena hardcore USA è passata dal Forte Prenestino, compreso Henry Rollins. Milano ha una buona posizione geografica, è un crocevia per chi è in tour in Nord Europa e questo permette un gran passaggio di musica”.

Con Mombu fate una media di tre concerti alla settimana in Italia e sicuramente dal vivo siete una garanzia, cosa credete che vi impedisca di spaccarvi meno la schiena? Cioè, nel nostro Paese, si è pronti per Mombu?
“Se in Italia legalizzassero la marijuana e i funghi allucinogeni, allora saremmo in cima alle classifiche e ciò ci permetterebbe di fare meno concerti, e a tutti di stare tutti un po’ più rilassati e con tante storie incredibili da raccontare, ma siccome viviamo in un paese clerical-corrotto tutto questo non potrà mai succedere, quindi noi continuiamo sulla nostra strada, e non ci dispiace affatto”.

Siamo alla fine, la domanda più importante chi cazzo paga tutte ‘ste birre?

Ma si girano dall’altra parte ed io cerco l’uscita di sicurezza. Vabbè, questa gente era proprio quello che ci voleva per ricacciare senza scrupoli, lontano, i logori sentimentalismi natalizi. Candele accese sì, ma per riti voodoo e concerti di Mombu e Spaccambombu.

 

——————————————————————–

Indie-eye

http://www.indie-eye.it/recensore/generi/experimental/mombu-zombi-subsound-records-2012.html

Mombu – Zombi (Subsound Records, 2012)
Di: Federico Fragasso
Pubblicato il 4 settembre, 2012
In avant-garde, doom, Experimental, Metal, newREC[s], News, noise, RECensioni, RecNews, world music |

Gemello vinilico dell’eponimo esordio – con tanto di copertina cromaticamente complementare – Zombi centrifuga, remiscela e tira a lucido le intuizioni che già furono di Mombu. Ideale punto d’incontro fra la propensione al lato oscuro tipica di certi estremismi occidentali (grind, doom) e uno sciamanesimo percussivo di matrice voodoo, la creatura di Luca Mai (Sax baritono) e Antonio Zitarelli (batteria) si dimostra inaffidabile e pericolosa come un pachiderma ferito a morte. A proprio agio in modalità berserk (Intro 253, Mombu Storm), ma capaci all’occorrenza di avventurarsi in progressioni Fela Kutiane dall’andamento ipnotico (Radà), i due veterani del jazz-core romano sfidano il metal sul suo stesso terreno (echi di Sepultura in Kemi e Ten Harpoon’s Ritual) e vincono il confronto a mani basse. Sostenuto dai tappeti poliritmici di Zitarelli (spesso protagonisti), il sax di Mai raggiunge vette di lirismo assoluto, alternando agilmente riff muscolari a divagazioni ambientali affogate nei riverberi. È evidente come il fascino della proposta risieda in larga parte in un armamentario strumentale ridotto ai minimi termini. Per questo motivo gli occasionali ospiti non sembrano fornire contributi significativi alla musica del gruppo e, anzi, rischiano a tratti di invalidarne l’originalità. È questo il caso, ad esempio, della chitarra elettrica (strumento simbolo dell’hard rock) aggiunta in Regla de Ocha. Fortunatamente i motivi di gaudio sono ben più numerosi delle eventuali lamentele, e dunque largo all’Apocalisse Negra.

 

——————————————————————–

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *